POSA IN OPERA

Facilità di lavorazione 

Le lastre EVOTECH possono essere posate utilizzando gli attrezzi tipici delle lastre in gesso rivestito. La lastra può essere facilmente tagliata utilizzando un cutter, è sufficiente incidere la faccia della lastra (al fine di tagliare la rete superficiale), appoggiare la lastra a sbalzo ed esercitare una leggera pressione sino alla sua rottura.
Successivamente dovrà essere tagliata la rete sul lato opposto e si dovrà provvedere alla eventuale raschiatura del bordo con un pialletto.

Il fissaggio avviene facendo uso di apposite viti a doppio filetto e testa auto svasante.
Di seguito troverete alcuni cenni generali sul corretto montaggio della struttura portante e delle lastre e sulle varie fasi di finitura quali la stuccatura dei giunti, la rasatura ed il rivestimento. 

1 – Guida a pavimento
Determinare la posizione delle guide a “U” a pavimento utilizzando un laser o un comune metro. Tracciare anche la posizione di aperture, porte ed eventuali sanitari in modo da determinare la posizione dei montanti nelle guide. Fissare la guida a “U” inferiore al pavimento con tasselli metallici ad espansione posti ad interasse di 500 mm.
 
2 – Guida a soffitto
Determinare la corretta posizione della guida a “U” sul soffitto con l’uso di un laser o di un comune filo a piombo. Procedere quindi al suo fissaggio mediante l’uso di tasselli metallici ad espansione posti ad interasse di 500 mm
.
 
3 – Montaggio montanti
Tagliare i profili montanti a “C” ad una lunghezza pari alla distanza tra le guide diminuita di 1 cm, per facilitarne l’inserimento. Fissare il primo montante alla parete con tasselli ad espansione metallici posti ad interasse 1000 mm. Inserire i montanti successivi all’interno delle guide e ruotarli di 90°. Le asole per il passaggio delle canalizzazioni impiantistiche presenti nel montante devono essere posti nella parte bassa.
 
4 – Montaggio montanti
Porre i montanti ad interasse di 400 mm in modo tale che il lato aperto del profilo sia disposto nel senso di posa delle lastre affinché il montante non sia soggetto a torsione durante la fase di avvitamento delle lastre stesse. Fissare il montante alla guida inferiore con vite in acciaio dopo averne controllato la verticalità.
 
5 – Posa delle lastre
Posizionare la prima lastra in senso orizzontale e avvitarla all’orditura dall’alto verso il basso avendo cura che il rivestimento resti perfettamente aderente all’orditura. I bordi trasversali delle lastre devono trovarsi al centro delle ali dei montanti. Procedere con la posa sempre nel verso di apertura del pro lo e porre prima le viti vicino alla costola dei montanti,
controllando che non si pieghino le ali, per ottenere la perfetta planarità della superficie finita. Il fissaggio delle lastre deve avvenire mediante viti auto perforanti fosfatate. Le viti devono essere poste a circa 1 cm dal bordo longitudinale della lastra ed a circa 1,5 cm dal bordo trasversale. Le lastre andranno distanziate tra di loro di circa 2 mm.
 
6 – Posa delle lastre sul lato opposto
Le giunzioni verticali ed orizzontali tra le lastre devono essere sfalsate rispetto al primo lato e distanziate di circa 2 mm. Regolare la punta dell’avvitatore in modo che le viti siano alla giusta profondità, con la testa a filo del rivestimento della lastra. Viti storte o non a filo vanno rimosse e sostituite.
 
7 – Stuccatura dei giunti
Le fasi di finitura prevedono la stuccatura dei giunti, con rete di armatura resistente agli alcali, realizzata con adesivo rasante flessibile a base cementizia e la successiva rasatura di tutta la superficie per uno spessore minimo di 4 mm. In questa fase si utilizzerà una rete in fibra di vetro per cappotto con peso non inferiore a 170 gr/m2 annegata con il rasante sopracitato.
 
8 – Rasatura
La successiva finitura colorata avverrà con rivestimento acrilico a spessore di usuale utilizzo nella realizzazione dei rivestimenti a cappotto.